header background
Tu sei qui: Home / Chi siamo

I principi dell'EBC

Il bene comune come obiettivo
Crescita locale
Democrazia
Partecipazione

Fattori premianti

Sostenibilità
Equità
Democraticità
Cooperazione

Fattori di  svantaggio

Competizione
Scorrettezza
Avidità
Non sostenibilità

 

CHI SIAMO?

Il Movimento per l'EBC

Pur affondando le sue radici teoriche nel pensiero aristotelico del IV secolo a.c. l'Economia del bene comune, in quanto movimento globale, nasce Oltralpe intorno agli anni '10 del nuovo millennio dalla volontà di un gruppo di imprenditori, teorici ed economisti, riunitisi a Vienna intorno all'associazione ATTAC (Association pour la Taxation des Transactions financière et l'Aide aux Citoyens).
Il movimento propone un modello economico che, a partire dalla destrutturazione di una concezione conflittuale della concorrenza e della categoria di profitto, si propone di restituire all'economia di mercato il suo fine originario: la massimizzazione del Bene Comune.

 

L'iniziativa economica privata è libera.

Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali

[Costituzione della Repubblica italiana. art. 43]


Secondo Christian Felber, voce austriaca del movimento, l'espressione "Bene Comune" non ha un significato univoco, il bene comune rappresenta, piuttosto, un obiettivo costituzionale secolare. Tradendo lo spirito delle costituzioni europee, la difesa strenua degli interessi individuali e del profitto nelle operazioni di mercato hanno soppiantato tale obiettivo che oggi deve tornare ad essere difeso dai meccanismi di potere del modello economico neoliberista. Al cuore dell'economia del Bene Comune c'è un processo e non un oggetto: il processo della democrazia partecipativa.